Notte romana

‘Na luce qua e la che sbrilluccica
‘n profumo de trattoria che te stuzzica
li monumenti, intorno, a fa’ cornice
Roma, la notte, è unica. Te lo dice
er forestiero, er vigile o ‘r semplice romano
ogni vicoletto te pija pe’ mano,
t’accompagna pe’ le vie de’ ‘sta città
lassa perde, nun se po’ paragona’
alle città moderne senza storia,
senza tradizioni, senza gloria…
Ogni angoletto antico c’ha ‘n pezzetto
che te po’ racconta’ quann’era ‘n tetto,
‘na bottega sparita, du’ ferri tra le dita,
serande chiuse a saluta’ la sera,
mezze luci accese attraverso ‘na ringhiera,
gente che rincasa, o esce pe’ tarda’
pe’ vive la notte, ‘n braccio a ‘sta città.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...